ASSOCIAZIONE ITALIANA PODOLOGI

© Copyright 2016 Associazione Italiana Podologi - Tutti i diritti riservati

Il piede diabetico

Il diabete, una malattia invisibile e insidiosa

Il diabete è una malattia metabolica cronica che in Italia colpisce circa 3 milioni di persone (metà delle quali non sa di esserne affetta) e rappresenta, a livello mondiale, la quarta causa di morte.
Il diabete è caratterizzato da un eccesso di zucchero nel sangue (iperglicemia) che può essere dovuto a difetti di produzione dell’ormone insulina da parte del pancreas, a difetti di assorbimento da parte di tessuI oppure alla concomitanza di entrambi i fattori. I pazienti diabetici sono esposti ad una serie di complicanze, acute e croniche, che colpiscono i diversi organi del corpo umano: occhi, reni, cuore e sistema circolatorio. Si stima che nei pazienti diabetici il rischio di insufficienza cardiaca e di infarto cardiaco sia maggiore da 2 a 4 volte. Inoltre, il diabete rappresenta la causa principale di insufficienza renale e di cecità nella popolazione anziana al di sotto dei 75 anni. La malattia si manifesta con minzioni frequenti, sete e fame continua, frequenti formicolii a mani e piedi, calo della vista, ferite di difficile guarigione e tendenza alle infezioni.
Coloro che manifestano questi sintomi e non si sottopongono regolarmente ad esami ematici, dovrebbero rivolgersi al proprio medico quanto prima.

‚Äč

Diabete e Podologia

Dal punto di vista podologico si stima che circa il 15% dei pazienti diabetici possa sviluppare ulcerazioni ai piedi, che nei casi più gravi esitano nell'amputazione (parziale o totale) dell’arto inferiore, con grave disabilità per l’individuo. I costi sociali ed economici del diabete sono elevatissimi. Essi ammontano, tra costi diretti e indiretti (assenze dal lavoro per malattia, prepensionamenti, invalidità), a 10 mila miliardi di euro ogni anno, pari a circa il 6-7% della spesa sanitaria nazionale.

 

Il piede diabetico

Come detto, il diabete può colpire diversi organi, tra i quali il sistema circolatorio.
A livello del piede, i danni al sistema circolatorio si possono manifestare con alcuni segni che devono essere valutati dal medico o dal podologo:

  • Alterazioni del colore della cute del piede

  • Aumento della temperatura

  • Gonfiore del piede e/o della caviglia

  • Dolore alle gambe, sia in movimento che a riposo

  • Frequenti lesioni di difficile guarigione

  • Unghie incarnite e micosi ungueale

  • Callosità e duroni con perdite ematiche

  • Spaccature della cute, specie nel calcagno

 

Le ulcerazioni sono piuttosto frequenti nel piede del soggetto diabeIco. A causa della ridotta sensibilità del piede, calzature inadeguate (talvolta anche la banale presenza di una cucitura interna) possono provocare nel tempo delle ulcerazioni, che se non adeguatamente trattate si infettano determinando conseguenze più complesse.
Tra i disturbi del piede diabeIco figurano anche le deformazioni ostro-articolari (Piede di Charcot) che possono impedire la corretta deambulazione e dare luogo a ulcerazioni.

Non sempre le complicanze del piede diabetico si possono evitare. Tuttavia è possibile ridurre la loro incidenza e la loro gravità attuando la prevenzione attraverso programmi di trattamento podologico che vanno dalla diagnosi precoce allo screening dei pazienti a rischio che presentano segni di neuropaIa, insufficienza circolatoria, deviazione assiale delle dita, rigidità articolare e alterazioni delle unghie.