Sito web aip

“Il corso di laurea in Podologia rientra nella Classe delle Professioni Sanitarie della Riabilitazione. La professione del podologo è regolamentata dal DM 666/94 ed è riconosciuta nell’operatore sanitario che, dopo esame obiettivo del piede tratta direttamente, con metodi incruenti, ortesici e idromassoterapici, le callosità, le unghie ipertrofiche, deformi e incarnite, nonché il piede doloroso.

Il corso di laurea in Podologia rientra nella disciplina della legge n. 264 del 1999 che ne stabilisce il numero programmato a livello nazionale. La prova di ammissione viene elaborata dalle singole Università sulla base delle disposizioni del Miur che ogni anno, con appositi decreti ministeriali, comunica gli argomenti, i programmi ed il numero dei posti disponibili nei vari Atenei italiani. La data di svolgimento del test è la stessa in tutta Italia.

Oltre alle lezioni teoriche, durante il percorso di laurea verrà sostenuto il tirocinio professionalizzante atto all’acquisizione delle capacità di base della professione. La laurea si ottiene a completamento del percorso di studi e dopo il superamento dell’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione.

Dal 2018 inoltre, anno in cui sono stati istituiti gli ordini e gli albi professionali TSRM-PSTRP, per l’esercizio della professione di Podologo è obbligatorio l’iscrizione al relativo ordine di appartenenza. Presso la sede dell’AIP è presente una biblioteca in cui gli studenti iscritti possono consultare il materiale ai fini di studio ed approfondimento delle tematiche sanitarie.

Chi esercita la professione del podologo può accedere a posti nel pubblico impiego, in qualità di dipendente pubblico, anche se attualmente il podologo esercita la sua attività per lo più in strutture sanitarie private o in studi privati come libero professionista. Quest’ultima scelta, allo stato attuale, è prevalente.”

l corso di laurea in Podologia rientra nella Classe delle Professioni Sanitarie della Riabilitazione. La professione del podologo è regolamentata dal DM 666/94 ed è riconosciuta nell’operatore sanitario che, dopo esame obiettivo del piede tratta direttamente, con metodi incruenti, ortesici e idromassoterapici, le callosità, le unghie ipertrofiche, deformi e incarnite, nonché il piede doloroso. Il corso di laurea in Podologia rientra nella disciplina della legge n. 264 del 1999 che ne stabilisce il numero programmato a livello nazionale. La prova di ammissione viene elaborata dalle singole Università sulla base delle disposizioni del Miur che ogni anno, con appositi decreti ministeriali, comunica gli argomenti, i programmi ed il numero dei posti disponibili nei vari Atenei italiani. La data di svolgimento del test è la stessa in tutta Italia.

Oltre alle lezioni teoriche, durante il percorso di laurea verrà sostenuto il tirocinio professionalizzante atto all’acquisizione delle capacità di base della professione. La laurea si ottiene a completamento del percorso di studi e dopo il superamento dell’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio delle libere professioni. Chi esercita la professione del podologo può accedere a posti nel pubblico impiego, in qualità di dipendente pubblico, anche se attualmente il podologo esercita la sua attività per lo più in strutture sanitarie private o in studi privati come libero professionista. Quest’ultima scelta, allo stato attuale, è prevalente.

Università di Milano

Università La Sapienza – sede distaccata di Milano

Università di Genova

Università di Pisa

Università di Bologna

Università di Roma Tor Vergata

Universitò di Roma La Sapienza

Università di Milano

Università di Genova

Università di Catanzaro

Condividi